Condividi

Cogliendo l’occasione di una sua visita al nostro convento patriarcale San Domenico, abbiamo avuto l’occasione di conversare con padre Joseph Mulvin OP che ci ha raccontato qualcosa sulla sua vita in Norvegia e del suo apostolato: infatti padre Joseph è l’unico cappellano cattolico che presta servizio presso le carceri della zona di Oslo. Molti gli spunti interessanti: dalla specificità del carisma domenicano in un contesto come quello norvegese, il cui la chiesa largamente maggioritaria è quella luterana, alla possibilità di incontro ecumenico e, per finire, all’incontro con quell’umanità reclusa e “invisibile” che popola le prigioni. Fin troppo facile pensare ad un parallelo con la figura del nostro padre Marie Jean Joseph Lataste, un grande apostolo della misericordia. Parlare con padre Mulvin e, attraverso il suo lavoro, ricordare anche quello del padre Lataste sembra essere un bel modo per mostrare un aspetto, magari meno noto e scontato, ma in realtà molto forte e presente della vita domenicana: ossia l’essere un ordine della misericordia.

Padre Joseph, come descriveresti la tua esperienza di prete cattolico in un paese così secolarizzato e protestante come la Norvegia?

La mia esperienza come prete cattolico in Norvegia è molto positiva. Quando arrivai per la prima volta nel 1999, fui sorpreso di scoprire che il paese non era così secolarizzato come mi aspettavo. La Chiesa evangelica luterana di Norvegia rappresenta la religione ufficiale di stato e un emendamento alla Costituzione del 2012 afferma che rimane la “folkekirke”, ossia “la chiesa della gente” e deve essere trattata come tale. Il cristianesimo luterano è una parte centrale della cultura e dell’identità norvegese, sebbene la frequenza settimanale della chiesa domenicale sia molto bassa: la maggior parte dei luterani va in chiesa per battesimo, cresima, matrimoni e funerali.

Come ti sei trovato, arrivando in Norvegia dall’Irlanda?

Trovo che la Norvegia sia un posto più appagante per il ministero. Le persone sono molto grate e solidali nei confronti dei loro sacerdoti, soprattutto qui nella nostra chiesa domenicana. Ma anche nella società in generale, il rapporto delle persone con i preti è molto positivo.

Sappiamo che il dialogo ecumenico è spesso costruito concretamente nella vita quotidiana, e non solo con buone intenzioni … che possibilità c’è di un vero dialogo con le chiese protestanti?

Poco dopo il mio arrivo ad Oslo, uno dei miei fratelli domenicani mi ha detto: “L’ecumenismo è l’aria che respiriamo”. La Chiesa luterana ha un ottimo rapporto di lavoro con la Chiesa cattolica e l’ecumenismo è qualcosa che viviamo ogni giorno. Per esempio, lavoro a stretto contatto con i sacerdoti luterani nel mio ruolo di cappellano di una comunità di L’Arche e nel mio lavoro con Kirkens SOS, un servizio telefonico di crisi e di consulenza gestito dalla Chiesa luterana. E naturalmente nel mio ministero penitenziario ricevo un eccellente sostegno e cooperazione dai cappellani luterani.

C’è interesse e curiosità per la fede cattolica?

Negli ultimi anni c’è stato un rinnovato interesse per la spiritualità cattolica tra i protestanti. Ad esempio, i ritiri nella tradizione di Ignazio sono popolari tra i sacerdoti luterani e i laici. La facoltà teologica luterana locale ha una sezione dedicata alla teologia cattolica. Quando i libri di Papa Benedetto XVI su Gesù di Nazareth furono tradotti in norvegese, fu una casa editrice luterana a produrli. È abbastanza normale che i preti cattolici siano invitati a predicare nei servizi luterani e nelle riunioni evangeliche.

Cosa si aspettano le persone da un prete cattolico rispetto a un pastore protestante?

La celebrazione dei sacramenti è la prima differenza che mi viene in mente, specialmente il sacramento della confessione e il sacramento degli ammalati. Le persone che si sono convertite, spesso dicono di sentirsi più a loro agio nella struttura e nella formalità della vita cattolica e della liturgia. Nella loro esperienza c’è troppa attenzione alla personalità e alle opinioni del sacerdote nella liturgia protestante, mentre nel rituale cattolico si sentono “portate” dalla stessa Chiesa.

Mentre invece un pastore protestante in che posizione si trova?

Poiché la Chiesa luterana di Norvegia è definita nella Costituzione come “la chiesa popolare”, i pastori protestanti sono sottoposti a forti pressioni per essere “politicamente corretti” e per essere d’accordo con gli sviluppi e le opinioni sociali nella società. Per esempio, due anni fa la chiesa luterana decise che le coppie omosessuali potevano sposarsi in chiesa. I pastori che si rifiutano di celebrare questi matrimoni in chiesa si troveranno di solito ostracizzati.

Essere un frate domenicano ti aiuta nel tuo ministero? Come?

Essere un domenicano è fondamentale per il mio ministero. Non potrei mai immaginare di essere un prete diocesano, da solo in una parrocchia. Ognuno dei quattro pilastri della vita domenicana è strettamente legato l’uno all’altro: preghiera, vita comunitaria, studio e apostolato. È una meravigliosa benedizione appartenere a un Ordine mondiale che ha una tradizione così lunga e ricca nella storia della Chiesa. Quando sono assente dal convento, impegnato nell’apostolato, sono molto consapevole del sostegno e delle preghiere dei miei confratelli. Fanno parte del mio ministero, proprio come io sono parte del loro.

Qual è la presenza domenicana a Oslo?

Qui ad Oslo siamo fortunati ad avere ciascuno dei rami dell’Ordine: suore contemplative, suore apostoliche, laici domenicani e frati. Collaboriamo e collaboriamo in molti modi diversi, a seconda del nostro carisma. Ad esempio, fr. Ellert Dahl ha appena pubblicato un libro di teologia in stretta collaborazione con sr Anne Bente, una sorella apostolica di Katarinahjemmet. Il mio primo contatto con l’Ordine di Oslo fu attraverso le suore contemplative di Lunden Kloster.

Il tuo ministero ti porta in prigione. Cosa ti chiedono le persone che sono detenute? Come vivono? Come li assisti?

Tutte le prigioni norvegesi hanno almeno un cappellano luterano, ma io sono l’unico cappellano cattolico poiché i cattolici sono una piccola minoranza. Perciò presto servizio in tutte le prigioni della regione di Oslo. I detenuti sanno che possono parlare al cappellano con totale fiducia e riservatezza. Io sono lì per ascoltare, per mostrare rispetto, dare incoraggiamento e, quando è il caso, pregare e celebrare il sacramento della confessione. Non ci sono mai due conversazioni uguali. Ad esempio, un prigioniero ha detto che non riusciva a parlare e mi ha chiesto di cantare alcune preghiere. Lo ha aiutato sentire il Padre Nostro e varie parti della Messa.

Qual è la condizione nelle carceri norvegesi?

Tutti hanno una cella singola, con TV e lettore video, di solito con il proprio bagno e doccia.  C’è la possibilità di trattamento e supporto per i tossicodipendenti. Recentemente uno di loro mi ha detto che, solo grazie al fatto di essere in carcere, aveva avuto la possibilità di completare un trattamento di riabilitazione perché quelli precedenti, nelle cliniche, erano sempre falliti. Inoltre, i detenuti che sono motivati a studiare hanno la possibilità di ricevere una formazione e una qualifica che li aiuteranno a lavorare dopo il rilascio. Ma la maggior parte delle persone non si rende conto di quanto sia traumatico e psicologicamente impegnativo essere improvvisamente gettato in un ambiente totalmente diverso dalla vita al di fuori. Non solo c’è la perdita della libertà, la perdita della reputazione, dello stato sociale e del contatto con le persone amate, ma bisogna imparare a sopravvivere tra detenuti mentalmente disturbati, tossicodipendenti, colpevoli di abusi sessuali, assassini, con cui si deve comunque convivere. L’intimidazione e la paura della violenza fanno sì che alcuni rimangano isolati nelle loro celle. Il dolore psicologico ed esistenziale è estremo.

Di solito, la prigione è un luogo che preferiamo ignorare e spesso consideriamo i prigionieri solo come un problema di sicurezza o come potenziale pericolo. Come dovremmo considerarli?

Dovremmo considerare i detenuti allo stesso modo in cui dovremmo considerare tutte le persone. Siamo tutti creati a immagine di Dio e siamo uguali in dignità. Dovremmo sempre essere consapevoli che una persona non è definita da ciò che ha fatto. Ancora e ancora nei vangeli Gesù mostra la sua compassione e comprensione per coloro che sono stati respinti dai cosiddetti uomini rispettabili. Nel vangelo di Giovanni, leggiamo che i Farisei una volta portarono una donna a Gesù e dissero: “Maestro, questa donna è stata catturata proprio nell’atto di commettere adulterio, e Mosè ci ha ordinato nella Legge di condannare a morte donne di questo tipo lapidazione”. Gesù rispose: “se c’è uno di voi che non ha peccato, sia il primo a lanciarle una pietra”.

Nel racconto del Giudizio Universale del Vangelo di Matteo, il Figlio dell’Uomo afferma esplicitamente che i giusti sono quelli che lo hanno visitato quando era in prigione, mentre i dannati sono quelli che non lo hanno visitato in prigione. Per la maggior parte di noi non è pratico visitare chi è dietro le sbarre. Ma come li consideriamo e li trattiamo quando tornano alla società? Continuiamo a stigmatizzarli come criminali o li aiutiamo a integrarci nella società? Recentemente sono stato molto rattristato quando un detenuto mi ha detto: “È quando partirò qui che inizierà davvero la mia condanna”. Per molti, soprattutto per i genitori, la cosa più difficile è spesso la sensazione di impotenza, di non essere in grado di dare amore e attenzione ai propri cari all’esterno. È facile per noi dimenticare che il sistema penale punisce anche le persone che non hanno sbagliato e che non sono in prigione.

La tua storia ricorda quella del nostro confratello, padre Lataste. Ti senti ispirato da lui?

Sì, mi sento ispirato da Jean-Joseph Lataste. Sr Hildegaard OP del monastero domenicano qui a Oslo era membro delle suore domenicane di Betania prima di entrare nel monastero. È accaduto così, che il mio ministero penitenziario iniziasse poco dopo che il nostro confratello fosse stato beatificato nel 2012. Il nostro mondo oggi è molto diverso dalla Francia del XIX secolo. Ma il messaggio evangelico della misericordia e del perdono di Gesù è altrettanto rilevante ora come lo era al tempo di Lataste. La prigione è un luogo privilegiato per predicare la buona novella del Vangelo. Erano gli esclusi e Gesù imprigionato aveva in mente quando predicava. Nel suo primo sermone ha citato il profeta Isaia: “Mi ha mandato per annunziare ai poveri un lieto messaggio, per proclamare ai prigionieri la liberazione e ai ciechi la vista; per rimettere in libertà gli oppressi”. E Gesù conclude: “Questa parola oggi si sta compiendo per voi che ascoltate”.

fr. Giovanni Ruotolo
Domenicano, genoano, torinese di nascita, giornalista. Dopo studi (poco amati) di giurisprudenza e oltre vent’anni di giornalismo, sono entrato nell'Ordine dei frati predicatori. Adesso sono professo semplice e studente di teologia. Nel tempo libero cerco di leggere e ascoltare qualcosa di buono, coltivo piante grasse e peperoncini. Il mio luogo del cuore è Genova, ma anche sul Corno d'oro...